NORD AFRICA :RIUNITA LA CONTINENTALE EUROPA – NORD AFRICA DEL CGIE



ROMA - La situazione sanitaria e l’assistenza ai connazionali, le elezioni dei Comites e la prossima Conferenza sul futuro dell’Europa. Questi, in sintesi, i temi trattati dalla Commissione Continentale Europa e Africa del Nord del Consiglio generale degli Italiani all’Estero, riunitasi in videoconferenza il 16 aprile scorso. Prima di iniziare i lavori – coordinati dal vice segretario d’area Pino Maggio – i consiglieri hanno dedicato un minuto di raccoglimento per la scomparsa di Michele Di Leo, Presidente del Comites di Friburgo, in Brisgovia (Germania), deceduto drammaticamente “sul campo” nel pieno adempimento del suo mandato. Di seguito il documento finale approvato dalla Commissione. “AGGIORNAMENTI SULLA SITUAZIONE SANITARIA NEI VARI PAESI DI RAPPRESENTANZA La pandemia da Covid-19 ha colpito il continente europeo e l’Africa del Nord mettendo a nudo le diversità legislative presenti nei diversi paesi e nei continenti. Sono trascorsi 15 mesi da quando l’Europa si è confrontata con il dramma che ha mietuto centinaia di migliaia di vittime, e l’Italia risulta essere uno dei paesi comunitari più colpiti per numero di decessi e contagi. Oramai ci stiamo confrontati con la terza fase e varie forme evolutive del virus. Ovunque in Europa sono iniziate le vaccinazioni e l’EMA - Agenzia Europea per i Medicinali - ha autorizzato l’inoculazione di vaccini prodotti da diverse società farmaceutiche. Mai in così poco tempo la scienza ha messo a punto un vaccino efficace per rispondere ad una epidemia. L’Europa si è trovata impreparata a gestire la pandemia, c’è stata la rincorsa alla produzione dei vaccini e, partendo da una risposta disarticolata che ha fatto emergere anche dei conflitti tra i paesi comunitari per accaparrarsi i vaccini, è riuscita gradualmente a programmare dei piani comunitari per fronteggiare l’emergenza, mettendo in campo politiche della salute unitarie con l’acquisto di svariati milioni di dosi vaccinali; ha varato un piano di rilancio dell’economia senza precedenti, il “Recovery Fund”, dotato di 750 miliardi di euro, il quale permetterà ai paesi membri di avviare la transizione per rilanciare le economie, l’occupazione e per realizzare progetti di ammodernamento e di resilienza dei vari paesi comunitari. Anche i paesi euro-pei non comunitari, in particolare il Regno Unito e la Svizzera, sono avanti con la campagna di prevenzione. All’inizio è mancato un coordinamento tra i paesi, successivamente gli interventi e gli approvvigionamenti sono migliorati e il Parlamento europeo è riuscito a trovare soluzioni adeguate e condivise per la gestione della sanità e dell’economia. La mobilità dei cittadini all’interno dell’Europa è alta e, di conseguenza, anche i cittadini italiani non iscritti all’AIRE, rientrati a loro volta nei paesi d’origine, non possono ancora essere vaccinati. Il CGIE oltre a segnalare questa anomalia ai parlamentari eletti nella circoscrizione estero, ha segnalato questa differenza di trattamento al Ministro della Salute, reclamando la non applicazione dell’articolo 32 della Costituzione. Si è constatato, invece, che i connazionali regolarmente residenti nei Paesi europei, integrati nei vari sistemi di previdenza e assistenza, hanno diritto e fanno ricorso senza impedimenti alle istituzioni sanitarie locali senza difficoltà. Da una ricognizione effettuata dai Consiglieri del CGIE sulle varie realtà europee e dell’Africa del Nord è emersa una inadeguata campagna informativa e di orientamento da parte della rete diplomatico-consolare nei confronti dei cittadini italiani all’estero, in particolare modo sulle condizioni o modalità della somministrazione dei vaccini, in special modo nei confronti di chi è rimasto senza copertura sanitaria. La notizia della sottoscrizione di un protocollo d’intesa da parte del Ministero degli Esteri con il Ministero della Salute e con l’Agenzia Italiana del Farmaco, che riguarda la vaccinazione degli italiani all’estero, ci è giunta per vie traverse. Tuttavia, con l’introduzione della turnazione del personale impiegato nei consolati sono saltate tutte le regole che reggono una corretta erogazione dei servizi, causando ritardi per l’assegnazione degli appuntamenti. Per queste ragioni in alcuni paesi europei si sono manifestate forme di speculazione attraverso piattaforme telematiche che chiedono soldi per prenotare gli appuntamenti. Il CGIE e i Comites che in questa drammatica partita si sono impegnati ad agevolare tutte le forme di aiuti ai nostri connazionali, non hanno ricevuto informazioni, non sono stati consultati, tanto meno sono stati coinvolti nelle iniziative affidate al MAECI per applicare quanto previsto dai decreti “Cura Italia” e “Rilancio Italia”. Da ciò il disappunto della Commissione Continentale Europa e Africa del Nord per il persistente comportamento dell’Amministrazione del MAECI, che sistematicamente disattende la prescrizione normativa, contenuta nella legge istitutiva dei Comites e del CGIE, di richiedere il parere per ogni provvedimento legislativo che interessa direttamente le comunità all’estero. Molti nostri connazionali in Europa vivono in situazioni di indigenza, anche per i postumi dell’epidemia; il loro rientro forzato in Italia impatterebbe sulle strutture sociali degli enti locali e, comunque, occorrerà prevedere una legislazione più agile per accoglierli e inserirli nel sistema produttivo o assistenziale italiano. Non si vede ancora la luce in fondo al tunnel, la trasformazione che comporterà questa crisi sanitaria avrà delle future ricadute negative sulla vita sociale, economica e sulla quotidianità dell’intero continente. Senza pronosticare allarmismi è evidente che fermo restando questi presupposti le valvole di sfogo di questi disagi produrranno fuoruscite ed esodo di nostri connazionali, che andranno ad aggiungersi ai già 6.300.000 iscritti AIRE. CONFERENZA SUL FUTURO DELL’EUROPA. PROPOSTE PER INTERVENTI E PROGETTI DI INTERESSE PER GLI ITALIANI ALL’ESTERO: DIRITTI, CULTURA, SANITÀ, STATO SOCIALE, ECC. La Commissione Continentale Europa e Africa del Nord coglie molto positivamente l’opportunità di partecipare attivamente alla discussione sul futuro dell’Europa, aperta nei giorni scorsi dalla Presi-dente della Commissione Ursula von der Leyen, dal Presidente del Parlamento europeo David Sas-soli e dal Primo ministro portoghese Antonio Costa, le cui dichiarazioni progettuali sono allegate al presente documento. Un identico documento prodotto dalla Camera dei Deputati è proposto alla lettura dei consiglieri delle altre commissioni continentali. Il CGIE, mediante la Commissione Continentale Europa e Africa del Nord, in qualità di organismo istituzionale e portatore di interessi, si propone come interlocutore nella fase di costruzione del processo proposto dai paesi comunitari che partirà orientativamente il 9 maggio 2021, giornata dell’Europa. La Commissione ha concordato di riunirsi regolarmente due volte al mese per discutere e rilanciare il progetto “Europa in Movimento” e discutere di temi che riguardano la libera circola-zione in Europa e soprattutto ragionare su proposte per migliorare i diritti e le condizioni dei cittadini italiani/europei che vivono nel mondo. Tra queste anche la loro partecipazione politica nelle scelte dei propri rappresentanti. Nel mese di maggio organizzerà un webinar con il sottosegretario ai rapporti con l’Europa, Onorevole Enzo Amendola, che nella passata legislatura ha lavorato a stretto gomito con il CGIE. I colleghi residenti nel Regno Unito hanno ricordato lo stato in cui vivono i connazionali italiani in quel paese assieme ai termini temporali del 30 giugno 2021 per la realizzazione della Brexit, come anche l’alleggerimento della mole di lavoro che produrrà la riapertura del Con-solato di Manchester sulle attività consolari nella City londinese. Occorre rafforzare le risorse umane in tutte le sedi consolari del vecchio continente e pensare all’assunzione di nuovo personale per calmierare i ritardi amministrativi esistenti. RINNOVO DEI COMITES, DECRETO LEGGE 30 DIC. 2019, N. 162. L’Onorevole Luigi Di Maio, Ministro degli gli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Presidente del CGIE, nel corrente mese di aprile, in una audizione davanti alle Commissioni congiunte Affari Esteri di Camera e Senato ha presentato il programma di governo del suo ministero e ha indicato tra le priorità: la realizzazione dell’Assemblea Plenaria della IV Conferenza Permanente Stato-Regioni-Province Autonome-CGIE e l’indizione delle elezioni per il rinnovo dei Comitati de-gli Italiani all’Estero, nel rispetto dei termini temporali di rinvio previsti dal decreto legge mille proroghe, numero 162 del 30 dicembre 2019. La Commissione Continentale Europa e Africa del Nord ritiene che la data proposta dall’amministrazione del MAECI per il rinnovo dei Comites, il 3 dicembre 2021, difficilmente permetterà di preparare al meglio i complessi adempimenti della legge 286/2003 e del relativo regola-mento di attuazione, nonché la sperimentazione del voto telematico. Il prolungarsi dell’attuale situazione pandemica rappresenta a nostro avviso un serio ostacolo alla corretta preparazione delle prossime elezioni dei Comites. L’impossibilità di riunirsi ed organizzare momenti di incontro con la collettività, per informare e promuovere la partecipazione alle elezioni, rischia di comprometterne seriamente il risultato. Più a monte, il semplice atto di raccogliere le firme necessarie alla presentazione delle liste appare quantomeno poco praticabile nell’attuale scenario. È altresì da rilevare che i Consiglieri eletti in Europa e in Africa del Nord ritengono che le elezioni per il rinnovo dei Comites debbano svolgersi con una nuova normativa, la quale ridefinisca natura, funzioni, ruoli, prerogative e finalità degli stessi. L’obiettivo immediato, di fronte al quale occorrerà insistere senza arretrare, è quello di evitare la modalità di voto che contempla l'inversione dell'opzione, che, se ancora applicata, comprometterebbe la credibilità e la funzionalità dei Comitati degli Italiani all’Estero, la cui legge istitutiva ha oramai bisogno di essere aggiornata ai nostri tempi e alle necessità della nuova ondata migratoria; in sostanza gli italiani all’estero rappresentano il 10% della popolazione nazionale. È compito del Parlamento e del Governo assumere l’impegno di calendarizzare e approvare una nuova riforma che regoli questi organismi di rappresentanza, partendo auspicabilmente dall’articolato di legge assunto in assemblea plenaria del CGIE nel lontano novembre 2017 e che ha bisogno di alcuni aggiustamenti pratici in seguito alle trasformazioni sopraggiunte con la diffusione della pandemia da Covid-19 che, inesorabilmente, sta cambiando ordinamenti, modi di vivere e l’organizzazione statuale del mondo interno e di riflesso del mondo del lavoro e della società. Chiediamo al Governo e alle istituzioni italiane di impegnarsi per la soluzione dei problemi ancora irrisolti e per accorciare le distanze geografiche e quelle culturali tra il nostro paese e il mondo degli italiani all’estero, lo chiediamo per i nostri connazionali, ma anche per l’Italia, se vuole uscire definitivamente dalla palude nella quale si è ritrovata, facendo leva sulle potenzialità presenti nelle comunità italiane all’estero. Perciò rinnovare gli strumenti a disposizione degli organi di rappresentanza é ritenuto necessario ma per tutte le anzidette ragioni se ne auspica il rinvio”. (aise)



ITALIANI ALL'ESTERO

EUROPA
AMERICA DEL SUD
NORD AMERICA
AFRICA
S.O.S
Gruppo Facebook ITALIANI ALL'ESTERO TV

Gruppo Facebook ITALIANI ALL'ESTERO TV

Gruppo Facebook ITALIANI ALL'ESTERO TV

ULTIME news TV

ULTIME news TV

RASSEGNE STAMPA ITALIANI ALL'ESTERO TV

EUROPA

EUROPA

CATEGORIA INFORMAZIONI ITALIANI ALL'ESTERO EUROPA

AMERICA NORD

AMERICA NORD

Categoria AMERICA NORD clic su foto

AMERICA SUD

AMERICA SUD

Categoria SUD AMERICA

  • Facebook Classic
  • Twitter Classic
  • c-youtube