GLI ITALIANI IN ISLANDA NELLE STATISTICHE



OSLO - Sono 508 gli italiani residenti in Islanda secondo l’Aire dell’ambasciata italiana ad Oslo. Le peculiarità di questa piccola comunità sono descritte nel report curato da Lorenzo De Spirito e Eleonora Trevisan. Più maschi che femmine - 56% contro 44% - gli italiani in Islanda sono per lo più giovani: la fascia più popolosa, infatti, risulta essere quella compresa tra i 31 ed i 50 anni, con il 43% del totale, seguita dai minori di 18 anni (26%), quindi i 18-30enni (18%) e, infine, gli over 50 (13%). I due principali Stati di nascita sono l’Italia (56%) e l’Islanda (28%), in netta superiorità rispetto a tutte le altre nazioni. Al terzo posto tra i luoghi di nascita, distaccatissima (7%) l’America centrale e meridionale (7%). A seguire si trovano i Paesi europei parte dell’Unione Europea (3%) e l’Africa (2%), quindi gli extra Ue, l’Asia e l’America settentrionale con l’1%. Chiude l’Oceania con lo 0%. Rispetto all’anno di arrivo in Islanda, dal 1994 il numero di arrivi annui è cresciuto sostanzialmente. In particolare, nel 2016 si è avuto un picco con 41 arrivi. Successivamente, il dato è sceso a 27 nel 2017, 19 nel 2018 e 18 nel 2019. Nel 2020 sono stati registrati 6 arrivi. La prima regione per provenienza degli italiani in Islanda risulta essere la Lombardia (16,51%); con 27 osservazioni su 70 provenienti dalla provincia di Milano. Al secondo e terzo posto troviamo la Toscana (8,25%) e l’Emilia-Romagna (8,02%). Seguono la Sicilia (7,78%). Veneto (7,08%) e Campania (6,84%). Lazio e Piemonte si posizionano a pari merito con 6,60% ciascuna, mentre in fondo alla classifica troviamo Molise e Umbria, entrambe con solo lo 0,47% Il 16,54% degli italiani registrati nel database non ha indicato la regione di provenienza. Prevedibilmente, la maggior parte degli italiani in Islanda risiede nella Capital region (84,25%), più della metà dei quali nella capitale Reykjavik. Il restante 15,75% è distribuito nella regione nordorientale (5,51%), meridionale (3,94%) e occidentale (3,54%). Solo l’1,18% si trova nella regione orientale, e lo 0,79% nei fiordi occidentali e nella penisola meridionale. Non risulta nessun italiano nella regione nordoccidentale. Quanto ai titoli di studio e alle professioni svolte - statistiche per le quali non sono stati presi in considerazione i minori di 17 anni – meno della metà degli italiani in Islanda ha dichiarato il proprio titolo di studio. Dai dati disponibili (237 risposte) emerge che il 51,95% dichiara di possedere una laurea e il 37,23% un diploma. I meno comuni sono la sola licenza media (9,96%) e la sola licenza elementare (0,87%) In 125 hanno indicato il lavoro che svolgono: la maggior parte degli italiani in Islanda lavora come impiegato (21,60%) o svolge una professione non specificata (20,80%). Seguono le categorie di libero professionista (16,8%), lavoratore nel settore alberghiero e della ristorazione (12,8%) e operaio (7,2%). Il 5,6% risulta disoccupato. (aise)


09/03/21

Gruppo Facebook ITALIANI ALL'ESTERO TV

Gruppo Facebook ITALIANI ALL'ESTERO TV

Gruppo Facebook ITALIANI ALL'ESTERO TV

ULTIME news TV

ULTIME news TV

RASSEGNE STAMPA ITALIANI ALL'ESTERO TV

EUROPA

EUROPA

CATEGORIA INFORMAZIONI ITALIANI ALL'ESTERO EUROPA

AMERICA NORD

AMERICA NORD

Categoria AMERICA NORD clic su foto

AMERICA SUD

AMERICA SUD

Categoria SUD AMERICA

EUROPA
AMERICA DEL SUD
NORD AMERICA
AFRICA
S.O.S
  • Facebook Classic
  • Twitter Classic
  • c-youtube