A “l’Italia con Voi”, l’esperienza di “London One Radio”, radio italiana a Londra




RAI ITALIA

Il fondatore Filippo Baglini Olland e la speaker Rosita Pirulli raccontano come si sono organizzati per continuare la programmazione a servizio della collettività italiana anche durante il lockdown

LONDRA – Per le Storie dal mondo presentate da “l’Italia con Voi ”, la trasmissione di Rai Italia dedicata ai connazionali all’estero, un servizio racconta l’esperienza di “London One Radio”, radio italiana seguita da quasi 500 mila italiani a Londra e che durante il lockdown ha voi deciso di andare in onda h24 per non lasciare soli i molti giovani italiani costretti all’isolamento forzato.

Il fondatore della radio Filippo Baglini Olland e la speaker Rosita Pirulli raccontano che quando lo studio è stato costretto a chiudere per l’emergenza sanitaria, si sono attrezzati per continuare la programmazione, lavorando ognuno dalla propria casa.

“Sono venuto a Londra con tanti progetti nella testa. Dopo l’università sono stato a Ginevra, nel laboratorio del Cern, ma avevo sempre questa passione per la comunicazione e allora a Londra ho cominciato a strutturare la mia azienda per comunicare la cultura italiana agli inglesi – spiega Filippo, che si sofferma poi sulle vicende più recenti dell’attualità inglese.

In primo luogo, la Brexit. “Nessuno si sarebbe aspettato che gli inglesi votassero per la Brexit; eravamo in diretta in quel momento – racconta Filippo – e fino all’ultimo c’era la speranza che non venisse votata. Ha vinto la pancia del Paese e questo è stato veramente uno shock per tutti gli europei, ma anche per gli inglesi stessi”. “Quando abbiamo saputo il risultato del referendum eravamo tutti arrabbiati, nessuno riusciva a capire la scelta del Regno Unito. Per noi è stato anche un momento di intenso lavoro – aggiunge Rosita.

Poi, il lockdown dovuto al Covid. “In questi mesi abbiamo mantenuto il contatto con gli italiani 24 ore su 24 e non è stato facile perché bisognava raccontare qualcosa per cui è difficile anche trovare le parole. Inoltre – prosegue Filippo – non è stato semplice mantenere anche l’intrattenimento e la leggerezza che servivano in quel momento agli italiani”. “Abbiamo cercato di sostenere gli ascoltatori, ma nello stesso tempo anche noi eravamo preoccupati per le notizie che giungevano dalle nostre famiglie in Italia; non è stato sempre facile. Ci sono stati casi di depressione e ansia per la mancanza di lavoro, questa situazione di auto isolamento è stata veramente uno stress per tutti – aggiunge Rosita, che sottolinea tuttavia come la circostanza abbia contribuito a far sentire gli ascoltatori “come una famiglia”. (Inform)

Gruppo Facebook ITALIANI ALL'ESTERO TV

Gruppo Facebook ITALIANI ALL'ESTERO TV

Gruppo Facebook ITALIANI ALL'ESTERO TV

ULTIME news TV

ULTIME news TV

RASSEGNE STAMPA ITALIANI ALL'ESTERO TV

EUROPA

EUROPA

CATEGORIA INFORMAZIONI ITALIANI ALL'ESTERO EUROPA

AMERICA NORD

AMERICA NORD

Categoria AMERICA NORD clic su foto

AMERICA SUD

AMERICA SUD

Categoria SUD AMERICA

EUROPA
AMERICA DEL SUD
NORD AMERICA
AFRICA
S.O.S
  • Facebook Classic
  • Twitter Classic
  • c-youtube