Vendono casa e partono in barca a vela: neanche il Covid li ferma

“Mollo tutto e vado a vivere in barca a vela”:

per molti un sogno, che quasi sempre rimane chiuso in un cassetto, per altri invece un desiderio fortissimo che si trasforma in un obiettivo da raggiungere e poi in realtà.

per molti un sogno, che quasi sempre rimane chiuso in un cassetto, per altri invece un desiderio fortissimo che si trasforma in un obiettivo da raggiungere e poi in realtà.
“Mollo tutto e vado a vivere in barca a vela”


È il caso della famiglia Barberis, che da 6 mesi ha mollato gli ormeggi: mamma Sara e papà Stefano, con i tre figli e il cane, hanno venduto casa a Milano e hanno intrapreso il loro viaggio in barca a vela. Una traversata che è iniziata a ottobre 2020 (ma l’idea era in cantiere da qualche anno) per “testare una vita differente”, racconta Sara a 9colonne. Nessuna fuga ma solo curiosità e tanto coraggio. La destinazione finale? “Non ce l’abbiamo, vediamo quello che succede”. Per ora il viaggio è di sola andata, il rientro non è previsto e il programma si adatta di volta in volta a esigenze, difficoltà e imprevisti. “Abbiamo affrontato la navigazione invernale, ci sono stati dei rallentamenti a causa delle burrasche e poi il Covid ci ha bloccati a Formentera”, ci spiega Sara. Fermi sull’isola delle Baleari, la famiglia Barberis non ha perso tempo: “Abbiamo iscritto nostro figlio più piccolo all’asilo e ne stiamo approfittando per fare dei lavori alla barca”. A maggio - salvo restrizioni dell’ultima ora - riusciranno a muoversi di nuovo e la tabella di marcia prevede di passare l’estate alle Canarie per poi iniziare la traversata atlantica e dirigersi verso i Caraibi. Se pensate che sia un sogno inavvicinabile ai più, la famiglia Barberis è pronta a smentirvi: “Volevamo dimostrare che non è una questione di soldi e stiamo lottando per farlo”.

Sulla terra ferma Stefano era un tecnologo dell’Istituto nazionale di fisica nucleare e Sara una libera professionista nel campo del design e della moda: nell’epoca dello smart working anche loro sono alla ricerca di un lavoro, rigorosamente da remoto, per continuare a sostenersi.

Per i ripensamenti non c’è tempo (“E’ il nostro sogno da molti anni”) anche se la vita a bordo non è sempre facile: “Non è come andare in vacanza, gli ambienti sono stretti e abbiamo alle spalle un inverno rigido.

Ci abbiamo messo un po’ ad adattarci”, ci confida Sara. L’equipaggio è composto anche da Iago, di 12 anni, Nina, di 9 e Timo di 3.

“Sono sempre stati partecipi ed entusiasti.

La mattina facciamo scuola insieme e hanno rapporti con i bambini quando scendono a terra. Non sono isolati dal resto del mondo”,

ci tiene a sottolineare Sara. La barca è diventata poi un “laboratorio galleggiante” di sostenibilità e con il patrocinio dell’INFN “facciamo un monitoraggio energetico delle risorse a nostra disposizione e portiamo la nostra esperienza nelle scuole, puntando sulla sensibilizzazione ambientale e facendo dialogare i nostri figli con i loro coetanei”. Non è stato trascurato nemmeno l’aspetto social, con un diario di bordo 4.0 che “fa sognare” molti follower.

“Ci sono tante persone che ci seguono, ci vogliono bene e che ci hanno dato una mano, per esempio prestandoci la macchina per muoverci a Formentera”,

prosegue Sara raccontando anche qualche esperienza negativa con gli odiatori del web. La famiglia Barberis continua il suo viaggio con la bussola puntata sulla Polinesia:

“Sarebbe un’esperienza fantastica che vorremmo regalare ai nostri figli”, conclude Sara.

VIDEO



(sip - 13 apr)

(© 9Colonne)

Gruppo Facebook ITALIANI ALL'ESTERO TV

Gruppo Facebook ITALIANI ALL'ESTERO TV

Gruppo Facebook ITALIANI ALL'ESTERO TV

ULTIME news TV

ULTIME news TV

RASSEGNE STAMPA ITALIANI ALL'ESTERO TV

EUROPA

EUROPA

CATEGORIA INFORMAZIONI ITALIANI ALL'ESTERO EUROPA

AMERICA NORD

AMERICA NORD

Categoria AMERICA NORD clic su foto

AMERICA SUD

AMERICA SUD

Categoria SUD AMERICA

EUROPA
AMERICA DEL SUD
NORD AMERICA
AFRICA
S.O.S
  • Facebook Classic
  • Twitter Classic
  • c-youtube