IL GOVERNO RIBADISCE CHE I GENITORI DEI CITTADINI AUSTRALIANI NON POSSONO ENTRARE NEL PAESE - DI CAT


MELBOURNE - “Il tempo concesso al ministro degli Interni per rispondere ad una petizione che chiedeva di consentire ai genitori di essere classificati come “parenti stretti“ è scaduto. Il Dipartimento d'Immigrazione ha affermato che “non ci sono piani“ per cambiare le regole”. L’amara notizia rimbalza anche sulle pagine di SBS Italian, lo Special Broadcasting Service che diffonde notizie in lingua italiana in tutta l’Australia. A firmare l’articolo in questione sono Catalina Florez e Chiara Pazzano.

“L'ultima volta che Rajshree Patel e suo figlio Nevaan sono stati insieme in Australia è stato nel luglio 2019. Era appena prima che il bambino andasse in India con i nonni mentre Rajshree Patel studiava per terminare il suo Bachelor of Nursing. Madre e figlio non si vedono da 18 mesi a causa dei confini chiusi. “Mi sento come se qualcuno mi avesse rimosso una parte del corpo“, ha dichiarato Patel in un’intervista con SBS News.

Rajshree, di 31 anni, è arrivata in Australia otto anni fa, è diventata cittadina nel 2018 e negli ultimi sei mesi ha lavorato presso una clinica per i test per il COVID-19 a Sydney. La madre single, che ha una malattia cronica, ha richiesto tre volte che venisse concessa un'esenzione per viaggiare a sua madre e suo padre, in modo che potessero portare suo figlio in Australia, ma ogni volta la sua domanda è stata respinta.

Nevaan è nato in Australia ed è cittadino australiano, ma non è abbastanza grande per volare da solo. Ma da quando i confini del Paese sono stati chiusi l'anno scorso, solo i “parenti stretti“ di un cittadino australiano o residente permanente possono entrare nel Paese.

Le regole definiscono come “parente stretto“ un coniuge, un partner, un figlio a carico o tutore legale. I genitori di Rajshree non si qualificano come tali. “È come portarmi via il cuore“, ha dichiarato Patel.

Nella sua domanda più recente, sua madre ha ricevuto il permesso di venire in Australia, ma non suo padre. Patel ha affermato di volere che i suoi genitori rimangano assieme. Patel ha anche pensato di andare in India, ma non vuole correre il rischio di unirsi alle molte altre migliaia di australiani che sono bloccati all'estero.

“Se torno indietro, chi pagherà l'affitto qui? Se rimango lì per sei mesi, quattro mesi, devo vendere tutto e perderò il lavoro“, ha detto.

Molte famiglie si trovano nella stessa situazione e la loro campagna per cambiare la regola sui familiari stretti ha attirato più di 11.000 firme ad una petizione parlamentare. Tale petizione è stato presentata al parlamento federale dalla deputata liberale Celia Hammond a novembre.

La giornata di martedì ha contrassegnato 90 giorni dalla chiusura della petizione, data entro la quale il ministro degli Interni Peter Dutton era chiamato a rispondere, ma non era obbligato a farlo.

Quando Dutton è stato contattato da SBS News, un portavoce del Dipartimento degli affari interni ha affermato che il governo non intende modificare le regole attualmente in vigore. “Il governo riconosce le difficoltà per le famiglie allargate che cercano di ricongiungersi, tuttavia attualmente non ci sono piani per includere i genitori nella definizione di familiari stretti ai fini delle esenzioni di viaggio“, ha affermato il portavoce.

Il dipartimento ha fornito la risposta del ministro Dutton alla commissione per le petizioni la scorsa settimana, ha dichiarato il portavoce. La risposta sarà presentata formalmente alla Camera dei rappresentanti il ​​22 febbraio.

Roya Salamati, 42 anni, è tra gli attivisti che si battono perché le regole cambino. Suo padre è morto a causa del COVID-19 l'anno scorso in Iran. La cittadina australiana ha chiesto un'esenzione per viaggiare per la madre di 67 anni, che ora è sola, per farla venire in Australia, ma la domanda è stata respinta due volte.

“È molto importante che il governo ascolti le voci degli immigrati coinvolti in questa questione, perché soffrono molto per questa separazione“, ha dichiarato Salamati.

“L'Australia ha messo in vigore delle regole rigide per proteggere la salute della comunità australiana“, il Dipartimento degli affari interni afferma sul suo sito web. Ma secondo il deputato laburista Julian Hill, la situazione è problematica.

“Se il Primo Ministro avesse dimostrato leadership lo scorso anno e avesse svolto il suo lavoro correttamente e si fosse assunto la responsabilità della quarantena, allora non saremmo in questo pasticcio e non avremmo queste famiglie separate così crudelmente per così tanto tempo“, ha dichiarato Hill.

Patel, Salamati e molti altri che fanno pressione affinché le regole cambino dicono che continueranno a combattere”. (aise)


12/02/2021 - 11:11

Gruppo Facebook ITALIANI ALL'ESTERO TV

Gruppo Facebook ITALIANI ALL'ESTERO TV

Gruppo Facebook ITALIANI ALL'ESTERO TV

ULTIME news TV

ULTIME news TV

RASSEGNE STAMPA ITALIANI ALL'ESTERO TV

EUROPA

EUROPA

CATEGORIA INFORMAZIONI ITALIANI ALL'ESTERO EUROPA

AMERICA NORD

AMERICA NORD

Categoria AMERICA NORD clic su foto

AMERICA SUD

AMERICA SUD

Categoria SUD AMERICA

EUROPA
AMERICA DEL SUD
NORD AMERICA
AFRICA
S.O.S
  • Facebook Classic
  • Twitter Classic
  • c-youtube