top of page

Con la Cooperazione italiana nasce la nuova Protezione civile albanese


Si è tenuta ieri pomeriggio alle 18 l'inaugurazione del nuovo Centro Operativo Nazionale per le Emergenze Civili di Tirana, finanziato dall’Agenzia italiana per la Cooperazione allo Sviluppo. Si tratta del primo passo per la creazione di un Sistema di Protezione Civile albanese efficiente, coordinato e capillare, sul modello di quello italiano.

Inizialmente l'iniziativa approvata nel 2018 aveva lo scopo di creare un primo centro municipale della Protezione Civile a Tirana. In seguito ai terremoti del 2019, il Governo albanese ha chiesto di creare un Centro Operativo Nazionale.

L'iniziativa a dono del valore di 1.000.000 di euro ha due componenti essenziali.

La prima: ristrutturazione del Centro in una struttura messa a disposizione dal Comune di Tirana ed equipaggiamenti, hardware e software. La seconda: formazione degli operatori albanesi. L’esecuzione è affidata a partner italiani che rappresentano un’eccellenza del settore: il Dipartimento di Protezione Civile della Presidenza del Consiglio e la Protezione Civile della Città Metropolitana di Firenze.

All’inaugurazione erano presenti il Presidente della Camera Roberto Fico, il Ministro della Difesa albanese Niko Peleshi (competente in Albania per la Protezione Civile) e il Sindaco di Tirana Erion Veliaj.

La Delegazione italiana era composta dal Direttore dell’Agenzia, Luca Maestripieri, dall'Ambasciatore d'Italia in Albania Fabrizio Bucci e dalla direttrice Aics Tirana Stefania Vizzaccaro. (aise)

Gruppo Facebook ITALIANI ALL'ESTERO TV

Gruppo Facebook ITALIANI ALL'ESTERO TV

Gruppo Facebook ITALIANI ALL'ESTERO TV

ULTIME news TV

ULTIME news TV

RASSEGNE STAMPA ITALIANI ALL'ESTERO TV

EUROPA

EUROPA

CATEGORIA INFORMAZIONI ITALIANI ALL'ESTERO EUROPA

AMERICA NORD

AMERICA NORD

Categoria AMERICA NORD clic su foto

AMERICA SUD

AMERICA SUD

Categoria SUD AMERICA

  • Facebook Classic
  • Twitter Classic
  • c-youtube
EUROPA
AMERICA DEL SUD
NORD AMERICA
AFRICA
S.O.S
logo-italiani-all-estero-2.png
bottom of page