top of page

CHEF ITALIANO A KIEV: PRONTO ANCHE A SPARARE SE CE NE FOSSE BISOGNO

“Più che arruolarmi nell'esercito ucraino sono disposto ad aiutare in qualsiasi forma: sono uno chef e posso mettermi a cucinare per i soldati. Nel caso ce ne fosse bisogno però penso che potrei anche sparare”. A parlare, in collegamento da Kiev con Rai Radio1, a “Un Giorno da Pecora”, è Costantino Passalacqua, chef ligure, ristoratore e proprietario di quello che è stato a lungo il miglior ristorante di Kiev. “Vivo in Ucraina da circa 20 anni, sono sposato e ho sempre lavorato come chef e ristoratore. Ora mi trovo a Kiev, in uno scantinato con una quindicina di persone – ha raccontato a Rai Radio1 l'italiano - Qui ci siamo organizzati con ronde e brigate, anche armate, per vedere se arrivano paracadutisti russi”. Lei ha mai partecipato a queste ronde? “Si, ma sempre senza armi”. In questi giorni ha mai pensato di tornare in Italia e lasciare il paese? “Io sì, ma mia moglie, che fa l'insegnante di chimica, chiama figli i suoi alunni e io non voglio lasciarla sola”.

( © 9Colonne - IESTV.TV )

Gruppo Facebook ITALIANI ALL'ESTERO TV

Gruppo Facebook ITALIANI ALL'ESTERO TV

Gruppo Facebook ITALIANI ALL'ESTERO TV

ULTIME news TV

ULTIME news TV

RASSEGNE STAMPA ITALIANI ALL'ESTERO TV

EUROPA

EUROPA

CATEGORIA INFORMAZIONI ITALIANI ALL'ESTERO EUROPA

AMERICA NORD

AMERICA NORD

Categoria AMERICA NORD clic su foto

AMERICA SUD

AMERICA SUD

Categoria SUD AMERICA

  • Facebook Classic
  • Twitter Classic
  • c-youtube
EUROPA
AMERICA DEL SUD
NORD AMERICA
AFRICA
S.O.S
logo-italiani-all-estero-2.png
bottom of page