ITALIA-BRASILE: L’AGROALIMENTARE BRASILIANO E LE SUE POTENZIALITÀ



SAN PAOLO - Aumento pari al 2,06% dell’agroalimentare nel dicembre 2020, PIL del settore a fine anno di R$ 2 bilioni su un totale pari a R$ 7,45 bilioni. Questi i numeri dell’agrobusiness in Brasile, che nonostante la diffusione della pandemia e il conseguente impatto sull’economia brasiliana, ha concluso il 2020 mantenendo le proprie attività, ottenendo buone performance e mostrando rilevanti potenzialità di crescita per il 2021. In questo contesto, Guarnera Advogados, studio legale internazionale italo-brasiliano specializzato in investimenti internazionali, ha voluto spiegare alle imprese italiane interessate che il Ministero brasiliano dell'agricoltura, allevamento e approvvigionamento (Mapa) compiendo i suoi 160 anni ha una nuova sfida da portare avanti: promuovere misure per garantire l'approvvigionamento di cibo e mantenere operativi i servizi essenziali, come l'ispezione sanitaria, oltre a ridurre gli impatti della crisi sul reddito dei produttori rurali, soprattutto di piccole e medie dimensioni. Il Mapa ha quindi istituito il Comitato CC-Agro-COVID19, formato da 14 membri delle segreterie ministeriali, la Società di Fornitura Nazionale (Conab) e la Società Brasiliana di Ricerca Agricola (Embrapa). L'obiettivo principale del CC-Agro-COVID19, ancora attivo, è monitorare e proporre strategie per superare gli effetti della pandemia sulla produzione e fornitura agricola. “Si tratta di una grande opportunità per le aziende italiane che dispongano di offerte tecnologiche interessanti per la filiera dell'agrobusiness, per esempio macchinari agricoli, tecnologie per l’agricoltura 4.0 e, in generale, soluzioni per contribuire a migliorare i processi di lavorazione della terra così come i processi industriali, in ambito per esempio refrigerazione, efficienza energetica, efficienza di utilizzo della materia prima – ha commentato l’Avvocato Giacomo Guarnera, Socio Fondatore di Guarnera Advogados –.Nonostante la complessità del periodo attuale, settori come l’agroalimentare resistono nel Paese e continuano a essere attrattivi per le imprese italiane.” Considerato il più grande produttore mondiale di caffè e succo d'arancia, il secondo più grande produttore di zucchero, semi di soia in cereali, manzo e pollo e il terzo nella produzione di mais, il Brasile non è stato inferiore nei tempi del Coronavirus. (aise)

Gruppo Facebook ITALIANI ALL'ESTERO TV

Gruppo Facebook ITALIANI ALL'ESTERO TV

Gruppo Facebook ITALIANI ALL'ESTERO TV

ULTIME news TV

ULTIME news TV

RASSEGNE STAMPA ITALIANI ALL'ESTERO TV

EUROPA

EUROPA

CATEGORIA INFORMAZIONI ITALIANI ALL'ESTERO EUROPA

AMERICA NORD

AMERICA NORD

Categoria AMERICA NORD clic su foto

AMERICA SUD

AMERICA SUD

Categoria SUD AMERICA

EUROPA
AMERICA DEL SUD
NORD AMERICA
AFRICA
S.O.S
  • Facebook Classic
  • Twitter Classic
  • c-youtube